• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Gen22

Parrocchia di Santa Giusta, 22 gennaio 2017

Arcivescovo. Omelia per l’ammissione tra i candidati agli Ordini sacri di Antonello Angioni

Cari fratelli e sorelle, 
ogni ora della nostra vita è anche l’ora di Dio, e, dunque, ora dell’ascolto della sua Parola, del discernimento della sua volontà. Ho detto altre volte che non ci sono tempi sacri distinti dai tempi profani. Ogni tempo è sacro nella misura in cui uno lo vuole vivere come sacro. Non c’è bisogno di essere in Chiesa, o a lezione di catechismo, o nelle sale dell’oratorio per ascoltare la voce di Dio. Ogni luogo e ogni momento è propizio per ascoltarla. Infatti, Dio ci parla attraverso eventi particolari della vita, attraverso esperienze di gioia o di dolore, con i consigli d’un amico o la correzione di un Superiore. La stessa natura, nella sua bellezza di cielo e terra, è la voce di Dio che parla al cuore e al sentimento degli uomini. La lettera agli Ebrei ci ricorda che Dio ha parlato in molti modi e in molti tempi, e, ultimamente, ha parlato con la vita e l’insegnamento di Gesù. Di sicuro, perciò, parla anche oggi sia ad Antonello, che inizia un nuovo percorso nel suo cammino verso il sacerdozio ministeriale, sia a tutti noi, che abbiamo accompagnato e continuiamo ad accompagnare questo percorso nella comunione della preghiera.
Gen21

Il sacerdote originario di Samugheo avrebbe compiuto 100 anni il prossimo 4 aprile

Arcidiocesi di Oristano. Lutto. è deceduto don Silvio Mereu

DESULO. Nel primo pomeriggio di sabato 21 gennaio 2017 è deceduto presso l'Oasi Regina degli Apostoli il decano dei sacerdoti arborensi, don Silvio Mereu
Nato a Samugheo nel 1917, don Silvio avrebbe compiuto 100 anni il prossimo 4 aprile.

L'Arcivescovo Mons. Ignazio Sanna e il presbiterio arborense lo affidano alla misericordia di Dio, mentre sono vicini nella preghiera ai parenti del caro confratello.

Le esequie saranno celebrate nella chiesa parrocchiale di Samugheo martedì 24 gennaio alle 10.30.

Gen10

Basilica di Santa Giusta - Domenica 22 gennaio ore 17.00

Arcidiocesi di Oristano. Ammissione tra i candidati agli ordini sacri del seminarista Antonello Angioni

SANTA GIUSTA. Domenica 22 gennaio 2017 Mons. Arcivescovo ammetterà il seminarista Antonello Angioni tra i candidati agli Ordini Sacri del Diaconato e del Presbiterato.

La celebrazione avrà inizio alle ore 17.00.

Originario di Cagliari, Antonello è alunno del Pontificio Seminario Regionale Sardo e della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna al III anno.

 

Gen03

le esequie il 4 gennaio alle 15,30 nella parrocchiale

ARCIDIOCESI DI ORISTANO. MARRUBIU-LUTTO. è morto il decano dei diaconi arborensi, sig. clemente onali

MARRUBIU-LUTTO. Martedì 3 gennaio 2017, alle ore 02.30, è deceduto nella sua casa il decano dei diaconi arborensi, sig. Clemente Onali. 

Era nato a Marrubiu (OR) il 22 ottobre 1931. Venne ordinato dal card. Anastasio Alberto Ballestrero a Torino il 21 ottobre 1979. Rientrato in Sardegna, ha svolto il ministero diaconale nella parrocchia B. Vergine di Monserrato a Marrubiu.

L'Arcivescovo e il presbiterio si uniscono nella preghiera alla moglie Maria e alle figlie e parenti mentre supplicano il Signore affinché lo accolga nella sua pace.

Le esequie saranno celebrate mercoledì 4 gennaio 2017 alle ore 15.30 nella parrocchiale.

Dic25

Cattedrale di Oristano - 25 dicembre 2016

Arcivescovo. Omelia per il Solenne Pontificale nel giorno di Natale

Cari fratelli e sorelle,
Noi descriviamo il Natale come: “Dio con noi”. Dio che discende dalle stelle, secondo il canto popolare di Sant’Alfonso. Dio che si fa bambino, secondo la profezia del profeta Isaia “Un bambino è nato per noi, un figlio ci è stato dato: sulle Sue spalle è la Sua sovranità, e sarà chiamato Rivelatore del mistero di Dio”. Il Verbo che si è fatto carne e venne ad abitare in mezzo a noi, secondo il Vangelo di San Giovanni. Proviamo, però, ad invertire i termini e diciamo: “Natale, uguale: noi con Dio”. Nella  matematica,  cambiando l’ordine dei fattori la somma non cambia. Ma, nella vita spirituale, sarà possibile cambiare l’ordine dei fattori nel nostro rapporto con Dio? Sarà veramente possibile, cioè, passare da un Dio con noi a un Noi con Dio? 

Utenti collegati

 16 visitatori online

Statistiche utenti

Utenti totali : 410
Ultimo utente : Manu04
Oggi : 0 iscrizioni
Questa settimana : 0 iscrizioni
Questo mese : 0 iscrizioni